dovenonso

un riflesso di me stesso

Più pesante

Eran fredde catene
non per il corpo, no
era ferro sul cuore
sulle ali che nemmeno vedeva.
Il camminar si fece vagare
nemmeno l’illusione aveva meta
tutto fu disciolto nelle nebbie
ed  il cuore sbatteva sul ferro.
Ed ora, eccolo libero
di librarsi in volo
con poche piume in ali fragili,
sorrette dalla linfa dei sogni.
Deboli ali
ravvivate dal pulsar forte
tra carni e sangue, avvolti al ferro,
di un grande cuore fattosi più pesante.

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: