dovenonso

un riflesso di me stesso

Di quei fiumi

Il tempo si congelò
preda a mai sopite ferocia e barbaria,
venne il disgelo, riprese lo scorrere
porpora si fecero le acque,
mentre ricordi e speranze
nelle stesse trincee si mescolavano.
Regna ora eterna pace
nel silenzio e nel dolore che resta
dopo il passaggio della falce
nella forma sua più cruenta.
Di quei fiumi, di tanto terrore
non restan che monolitici ricordi
mentre intorno, il silenzio
suona tutto il suo dolore.
quel che resta della guerra

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

2 pensieri su “Di quei fiumi

  1. alexandremarie9 in ha detto:

    E’ bellissimo!Non si può commentare questo post è troppo profondo… ogni parola non ha significato…
    Un caro abbraccio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: