dovenonso

un riflesso di me stesso

Archivi per il mese di “maggio, 2013”

Senza far rumore

Nessun rumore 
solo silenzio dentro cui fermarsi
in ascolto di un vuoto vibrante
udendo, con la pelle divenuta umida,
il furore di afone onde
destinate allo schiumar sugli scogli.
Una fine pioggia
quella che si posa dentro
colmando angoli scopertisi vuoti
bagnando senza fragore
urlando tutto il dolore
senza far rumore.

Forte

Forte come non mai
torni vivo senza carne
sul binario del ricordo
su di un treno dalle corse senza orari
mosse da un soffio, battito, lacrima,
tornato per andar nuovamente.
Albergherai negli spazi più lontani
i più bui, lì sarai luce
un ricordo dal tornar pronto
mutante in arcobaleno, lui che
dopo la pioggia, il sereno accompagna
lui che, edulcorante
è pensiero dopo il cader dell’ emozioni.

Ci sarai?

Quando la notte calerà,
nessuna luce da osservare
leggeri fruscii soltanto
un canto solo per noi, pelle su pelle;
prima del dissolversi
dentro quel soporifero abbraccio
ci sarai?

Navigazione articolo