dovenonso

un riflesso di me stesso

Archivi per il mese di “aprile, 2014”

Libero

Mani che stringono
trattengono, puniscono
lascian carezze, asciugano lacrime.
Forte la stretta
poca l’aria per spremuti polmoni
mentre fagocitante saliva la nebbia
e la ragione evaporava in un volo senza confini.
Voleva solo il respiro pieno
chiedeva solo aria,
un camminar per vie non ancor battute
il cader nella vuota oscurità per scoprirne la luce.

Dai margini

E’ specchiarsi sul placido mare
lui che osservar sembra
calmo e curioso, dal suo piatto specchio.
E’ maledire chi tesse i fili di vite troppo lontane
è chiedersi perché dell’ esistenza di una fine prematura
perché tessere illusioni per poi troncare;
soffrendo al non sapere nulla
è rabbioso l’ urlarsi dentro domande
destinate a non trovar la pace di una risposta.
Ti guardo, forse già conosci
forse non sei che in attesa
della tempesta che presto
scatenarsi lascerai in tutto il tuo dolore.

Navigazione articolo